PMI-Mediterraneo: Ue, con loro stabilità e lavoro

FISCO-Rimborsi Iva: 60 giorni anche senza garanzia

16 maggio 2011 Comments (0) Dalla home page

SALUTE-Wellness:a Bolzano, vapore alla rosa e cura dell’uva

Un bagno di vapore alla rosa e degli spunti dalla cura meranese dell’uva: questi sono due dei numerosi highlight che offre la nuova oasi del wellness dell’hotel Hohenwart a Scena, in provincia di Bolzano. Lo si legge in una nota nella quale si spiega che Cluster Alpine Wellbeing del TIS innovation park ha accompagnato in qualita di consulente lo sviluppo dei contenuti del progetto dell’area benessere di 1200 metri quadrati. Domenica 22 maggio la nuova area wellness, che gode dell’illuminazione naturale del sole, viene ufficialmente aperta al pubblico. Ma la cosa che apprezzeranno i piu, e che i tre piani di wellness saranno aperti non solo agli ospiti dell’hotel, ma anche gli “esterni”.

“Autenticita”: questa e la parola magica alla quale si sentono legati il Cluster Alpine Wellbeing e il socio del Cluster, l’hotel a quattro stelle superior Hohenwart di Scena. Durante l’ideazione dell’area wellness, la famiglia Mair, proprietaria dell’albergo, si e consultata spesso con il Cluster Alpine Wellbeing del TIS. Due esperte per le applicazioni cosmetiche e per lo sviluppo di offerte per il wellness hanno accompagnato l’hotel nella realizzazione del concetto e, attraverso lo scambio di idee ed esperienze tra il TIS e l’hotel Hohenwart, e nata l’idea di includere nell’offerta di trattamenti wellness anche la cura meranese dell’uva e le rose, entrambe risorse usate nelle offerte che provengono parzialmente da coltivazione propria. Il menu della cura dell’uva include come parte integrante della giornata di cura dell’uva anche altre innovative offerte dell’hotel Hohenwart come gli “sciaqui e gargarismi” con l’olio di vinaccioli.

“Da quando e stato dimostrato scientificamente, che i contenuti dell’uva contrastano l’invecchiamento precoce delle cellule, la cura meranese dell’uva sta vivendo un piccolo rinascimento nel settore del wellness” ha affermato Manuela Irsara, manager del Cluster Alpine Wellbeing del TIS innovation park. L’uva della Schiava Grossa contiene, oltre al principio attivo antiossidante del resveratrolo, le vitamine A, C, B2 e i minerali come il potassio e il ferro. Enzimi e fermenti completano questa particolare composizione.

Un altro highlight della nuova area wellness di Hohenwart e il bagno di vapore alla rosa, nel quale vengono vaporizzati oli essenziali di rosa. Petali di rosa appena colte dal giardino dell’hotel vengono aggiunte ai bagni rilassanti, inoltre gli ospiti dell’hotel Hohenwart troveranno ad aspettarli olio di rosa, polvere di rosa e burro di karite alla rosa. Gia nell’antichita l’effetto rilassante della rosa era conosciuto e adesso all’hotel Hohenwart e riuscito a trovare una nuova applicazione. «Nel settore wellness il Alto Adige si dovrebbe promuovere l’impiego di risorse locali, come per esempio l’uva o la rosa, ma anche le erbe aromatiche e altre risorse, per fare in modo che nel lungo periodo si possa creare una cultura particolare ed unica del wellness a base regionale e alpina» spiega Manuela Irsara del TIS.

Proprio in relazione alle risorse locali la collaborazione dell’Hotel Hohenwart con altre aziende del Cluster e risultata essere vantaggiosa. I responsabili del know-how dell’area wellness, accanto ai soci del Cluster del TIS Sieglinde Thanei e Judith Wieser, sono anche le sdraio in legno di pino cembro create da Florian Gamper di Longomoso, mentre la vinaccia e la farina di vinaccioli provengono dal Krauterschlossl di Goldrano.
Nella progettazione del nuovo impianto wellness si e prestata molta attenzione all’efficienza energetica e alla sostenibilita. Corrente elettrica e fabbisogno di calore dell’area wellness sono generati dalla centrale termo-elettrica a blocco propria dell’albergo, le facciate ventilate conferiscono all’edificio a tre piani le qualita di una CasaClima. Il livello dello specchio d’acqua di 50 metri quadrati di acqua salina posizionato sul tetto viene abbassato durante la notte, in modo da minimizzare la dispersione di energia, che avviene soprattutto nel caso di traboccamento dell’acqua dovuto al ricircolo dell’acqua. Le pompe regolate in frequenza e l’automatizzazione dell’edificio ad altissimo livello fanno dell’area wellness una perla rara nel settore wellness anche dal punto di vista tecnologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.