DL SVILUPPO-Ok fiducia: blindato per il Senato. Le misure

MADE IN ITALY-Laica: sicure e garantite le caraffe filtranti

22 giugno 2011 Comments (0) Dalla home page

WEB-Domini: espansione, Pmi in difficoltà e più phishing

Il Consiglio di amministrazione dell’Icann (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) ha approvato quello che alcuni definiscono come il cambiamento Internet piu drammatico degli ultimi quaranta anni, consentendo l’espansione dei nuovi Top Level Domain (Tld): questa decisione ha scatenato un acceso dibattito sui media tra sostenitori e contrari. Ecco il commento di Spencer Parker, Group Product manager di Websense che descrive i potenziali rischi di questa liberalizzazione.

“Secondo alcuni – ha spiegato Parker – Icann potrebbe costringere le aziende ad accaparrarsi i domini per proteggere la propria reputazione e non saranno, comunque, gli unici che cercheranno di ottenere questi nuovi domini di primo livello. Si teme, infatti, che i cyber criminali possano utilizzare questi nuovi domini per creare siti Web apparentemente legittimi, sfruttando brand aziendali conosciuti, per condurre attacchi di phishing o inviare malware Trojan a chi visita la pagina. Per esempio, ha spiegato ancora il Group Product manager di Websense, immaginate di ricevere un’e-mail da “yourbank.bank”. Potreste fidarvi di queste e-mail, in un primo momento, infatti, non e possibile sapere se proviene dalla vostra banca”.

“Tutte le marche piu importanti cercheranno di ottenere il controllo della maggior parte dei domini di primo livello, utilizzando il proprio brand – ha ribadito Parker – ma le aziende medio-piccole non hanno le risorse per ottenerli e puo rappresentare un grande pericolo. Icann dovra far rispettare rigorosamente le policy e le procedure di valutazione per i domini di primo livello generici per evitare l’attacco dei cyber criminali”.

“Per prepararsi all’introduzione di questi nuovi domini – ha consigliato Parker – le aziende devono assicurarsi che il proprio brand sia protetto pre-registrando il nome dell’azienda e i trademark sotto i nuovi domini di primo livello per garantirsi i diritti e fare attenzione che i dipendenti sia al lavoro, sia a casa non accedano accidentalmente a siti fasulli, garantendo la massima protezione, grazie a una soluzione di sicurezza unificata che possa proteggere l’accesso a questi siti malevoli in tempo reale. Questo evitera, infatti, l’attacco dei malware all’interno della rete aziendale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.