LAVORO-Franchising: Diètnatural, nutrizione e dietetica

LINGUA INGLESE-ABA English ottiene € 10.5 mln nel secondo...

31 maggio 2016 Commenti disabilitati su SOSTENIBILITA’-“Il legno? Oggi si coltiva e si raccoglie come un cereale”: parola di Krostar, azienda leader nei trasporti transoceanici del legno con 800 mila tonnellate l’anno Commerciale

SOSTENIBILITA’-“Il legno? Oggi si coltiva e si raccoglie come un cereale”: parola di Krostar, azienda leader nei trasporti transoceanici del legno con 800 mila tonnellate l’anno

Woodchips e tronchi certificati sono il cuore del trading di Krostar, media azienda da 60 milioni di dollari, guidata dall’imprenditore bergamasco Angelo Alimonti, specializzato in grandi carichi di legno.

Finita l’era del disboscamento selvaggio oggi il legno è una materia prima che si coltiva e raccoglie come il mais o il grano destinati all’industria alimentare: il legno destinato al commercio è prodotto principalmente da foreste piantate o proviene anche dalla manutenzione dei parchi, necessaria per mantenere i boschi sani e vitali.

Lo testimonia il caso di Krostar, azienda svizzera leader a livello globale nella logistica e nel trading del legno, che commercializza 800 mila tonnellate l’anno diwoodchips e tronchi, la cui provenienza è garantita da certificazioni che ne assicurano l’origine da foreste gestite in maniera responsabile.

Krostar sfrutta un vantaggio geografico e tattico: si muove su rotte internazionali con carichi eccezionali. La rotta atlantica in particolare è caratterizza da grandi numeri: navi cargo di oltre 200 metri di lunghezza e 40 di altezza realizzano carichi da 50.000 tonnellate di legno per volta. Per ogni viaggio, che dura in media 17 giorni, più 5 giorni per il carico e 7 per lo scarico, sono impiegate oltre 50 persone ed utilizzate circa 1.200 tonnellate di carburante. Durante l’anno Krostar realizza la tratta 16 volte.

Alimonti

Angelo Alimonti

Come sottolinea anche la FAO nel suo ultimo rapporto, le foreste piantate, stabilite per la produzione, contribuiscono a ridurre la pressione sulle foreste naturali: negli ultimi 25 anni il tasso di deforestazione globale netto si è ridotto di oltre il 50% e molti Paesi stanno migliorando la gestione delle risorse forestali.

Spiega Angelo Alimonti, managing director di Krostar: “Per ottenere il legno non vengono più disboscate le foreste naturali, ma tutta la materia prima è certificata e proviene da due fonti principali: dalle foreste piantate oppure dalla manutenzione dei boschi. Continua Alimonti: “Le woodchips e i tronchi che commercializziamo sono per tale ragione accompagnati da certificati di origine e fitosanitari. Valore aggiunto di Krostar è una logistica efficiente che rende possibili trasporti unitari di grandi dimensioni: ci avvaliamo di navi dedicate per il trasporto grazie a contratti pluriennali di timecharters con primari armatori mondiali.”

Il legno di Krostar è destinato all’industria pulp and paper, a quella dell’MDF (pannello di fibra a media densità derivato dal legno) e al settore della biomassa legnosa per le centrali elettriche, la cui materia prima proviene da foreste altamente produttive, a seguito di un programma di gestione molto controllato.

Nel 2015 Krostar ha raggiunto un fatturato aggregato tra logistica e trading di woodchips e tronchi, di 60 milioni di USD con una dimensione globale: significativi volumi di materia prima provengono da foreste dell’America settentrionale, ma anche dall’Ucraina e sono destinati in primo luogo ai mercati europei e turchi. L’obiettivo del 2016 di Krostar è raggiungere un fatturato di 80 milioni di USD e 1 milione di tonnellate di legno commercializzato.

 

Comments are closed.