MADE IN ITALY-Cibus Tec 2011: nel 2010 settore a...

IMPRESE-Codice antimafia: rivista la documentazione

29 settembre 2011 Comments (0) Dalla home page

SUD-Cultura: Cosenza, riapre il teatro Rendano

Cosenza controtendenza: sotto la guida del sindaco Mario Occhiuto, convinto assertore della cultura come via di sviluppo cittadino, la citta sta valorizzando il suo importante patrimonio rilanciando con un nuovo direttore artistico, il maestro Albino Taggeo e con la creazione di un’ orchestra tutta sua, una delle piu belle realta nazionali che custodisce: il teatro Rendano. Splendido teatro di tradizione (qualifica ufficiale di quelle istituzioni che esaltano le risorse artistiche e in particolare liriche della regione) il Rendano con i suoi ottocento posti, la bellezza architettonica, le caratteristiche teatrali e una perla del meridione italiano noto in tutt’ Italia anche per le sue produzioni di successo.

Nuovo direttore artistico e Albino Taggeo, personaggio di spicco del mondo musicale nazionale, compositore di successo di diversi generi musicali, docente all’ Accademia di Santa Cecilia di Roma, infaticabile organizzatore e promotore di grande eventi musicali. A lui il compito di comporre tra musica, lirica e classica, prosa, recite, didattica e incontri una stagione capace di ridare lustro al Teatro. Per definire il programma di prosa il maestro ha voluto al suo fianco Isabel Russinova, attrice, scrittrice e produttrice di Teatro e Cinema, che ha al sua attivo una grande esperienza di programmazioni e rassegne teatrali.

Importante novita, che segna veramente un grande merito a Cosenza, e la formazione per la prima volta nella storia della Citta e del Rendano di una Orchestra Lirico-Sinfonica Stabile (costituita attraverso un bando pubblico nazionale che si chiudera il 24 di ottobre) che avra carattere stagionale sino a che il miglioramento della situazione finanziaria permettera di renderla permanente. L’ orchestra stabile del Teatro Rendano sara guidata e concertata, tra gli altri, dal Direttore d’orchestra Giovanni Pelliccia, il quale affianchera il Direttore Artistico nella stagione lirica in qualita di Direttore Musicale. Le prime parti di essa saranno affidate a solisti tra i piu importanti a livello nazionale.

Con la valorizzazione di risorse del territorio e nazionali l’orchestra stabile del Rendano si affianca a importanti realta come il Conservatorio Stanislao Giacomantonio, creando occasioni di sviluppo e di occupazione e rilanciando Cosenza come polo culturale calabrese di interesse nazionale. Secondo Taggeo, la “caratteristica costante nell’elaborazione dei cartelloni lirico-sinfonici e cameristici e la fisionomia tematica che contribuisce a conferire un’identita specifica e riconoscibile all’intera stagione del Teatro Rendano. Ho cosi focalizzato Il tema dell’intera programmazione sull’identita nazionale, partendo dalla prestigiosa ricorrenza dell’Unita d’Italia ed attraversando alcune delle nazioni europee piu rappresentative in ambito artistico”.

Ambizioso rientro della lirica il 2 dicembre con un’ apertura da grande stagione nazionale con la primissima del Nabucco di Verdi, diretta da Giovanni Pelliccia. Come il Rigoletto a fine febbraio, un omaggio al centocinquantesimo anniversario dell’Unita d’Italia, realizzato in collaborazione con il Teatro Massimo di Palermo. Gli altri titoli, tra cui anche Pierino e il Lupo e l’ Opera da Tre Soldi, saranno ideati e messi in opera nei laboratori del Teatro Rendano dagli scenotecnici e dalle maestranze, sotto la guida dei registi e degli scenografi. Musica e prosa si intrecciano in un programma vivace e interessante capace di interessare nuovamente l’ esperto pubblico cosentino ed anche nazionale (sara attivata a biglietteria online con punti vendita in tutto il territorio nazionale).

Isabel Russinova intreccia con il programma musicale una collana di 5 appuntamenti intriganti, sofisticati, ma di sicuro richiamo: a meta dicembre aprira Piera degli Esposti in prima nazionale con un suo monologo diretta da Manuel Giliberti. Poi saranno Gabriele Lavia, Maddalena Crippa, Piero Maccarinelli, Massimo Dapporto, Maurizio Donadoni e altri nomi del palcoscenico a far brillare quello del Rendano. Anche con la prosa il Rendano offrira un corollario di eventi di approfondimento degli spettacoli. In occasione di “Colazione da Tiffany” per la regia di Maccarinelli, il foyer del Teatro proporra una bellissima mostra delle foto di famiglia di Audry Hepburn curata dal figlio Luca Dotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.